Quando la resistenza dà fastidio

PartigianiA distanza di 70 lunghi anni, qualcuno ancora oggi non digerisce la Resistenza. E’ il caso del museo di Dongo, luogo storico per la fine del fascismo, culminata con la giusta esecuzione del dittatore Mussolini e della sua amante, Claretta Petacci. Dure polemiche sono infatti sorte per colpa della decisione del sindaco di Dongo (guarda caso di centrodestra) di voler cambiare la denominazione del Museo “della Resistenza” in Museo “della fine della guerra”.

Un particolare, per molti insignificante, ma che porta invece con se il gusto amaro di chi non aspetta altro di mettere in un angolo la Resistenza partigiana per cercare di screditarla, cercando di sbiadire i suoi colori e di farla dimenticare alle nuove generazioni. Anche perché con il nuovo nome, essendo “di fine guerra” ci lascia intendere che verranno (magari non subito) inclusi anche i repubblichini della RSI nazi-fascista, assassini del popolo italiano. Una cosa che se verrebbe a realizzarsi sarebbe totalmente inaccettabile!

Il Museo, inaugurato nel 1995 per dare giusta ricompensa alla memoria storica di chi ha combattuto il fascismo nel comune di Dongo e limitrofi dell’Alto Lario, è collocato all’interno del Municipio del paese, luogo molto visitato non solo da comaschi ma anche dai tanti turisti in visita.

Confusa, incerta e chiaramente fuori luogo, la risposta del sindaco Mauro Robba:il nuovo nome si rifà esclusivamente a un’opportunità di marketing. Ci siamo rivolti a degli esperti e il suggerimento è stato di non mantenere la denominazione ‘museo della Resistenza’, fin troppo diffusa e inflazionata”.

Ma queste spiegazioni non sono bastate all’Associazione museo della Resistenza comasca, che ha lanciato una raccolta firme per mantenere la denominazione originaria. Parallelamente l’ANPI di Como comunica nel suo sito internet che chi desidera esprimere la propria indignazione per la scelta di cambiare nome al Museo della Resistenza Comasca (con dovuti e non volgari modi), può farlo scrivendo direttamente al sindaco di Dongo con la mail: sindaco@comune.dongo.co.it

La riapertura del museo è prevista per il 12 aprile 2014, al momento, ancora con il nuovo nome deciso dal sindaco.

Il Partito Comunista, con in testa il comitato Lombardo e la sezione milanese “G. Moranino”, appoggiano l’iniziativa dell’ANPI di Como e dell’Associazione museo della Resistenza comasca, e si oppongono al cambio di denominazione del museo, in quanto riconoscono chiaro ed evidente il tentativo di voler allontanare l’anima della Resistenza partigiana dal suo popolo. Arretrando di un passo alla volta, ci ritroveremmo ben presto distanti anni luce da quel sentiero di lotta nel quale molti compagni/e sono deceduti per conquistare la Libertà. La Resistenza non è “un’operazione di marketing” e non da nessun fastidio. Ed il fatto che sia “diffusa ed inflazionata” è per noi soltanto un bene ed un grande orgoglio!

 

L.P.

Be the first to comment

Leave a Reply