Leggi Iskrae, gratti e scopri l’Ovra

Fin da quando esistono i comunisti vi sono quelli che attaccano la bandiera rossa sventolando la bandiera rossa. La rete pullula di siti dai nomi altisonanti che si richiamano al comunismo od alla sua tradizione storica. Sono così tanti che parlarne diventa una vera perdita di tempo. Se non ché alcuni sono fastidiosi come un dito nel c..o.

Già Secchia ebbe a che fare con simili individui che definì sbrigativamente “Sinistrismo maschera della Gestapo”. Parafrasando Secchia verrebbe da dire che in Italia sono apparsi alcuni fogli dai pomposi titoli “proletari” come “Scintillarossa” o “Iskrae” i quali con roboante fraseologia massimalista e pseudorivoluzionaria dicono di essere sulla via della … sinistra. In realtà sono sulla via dell’Ovra.

ditomedioNon sappiamo cosa (o chi) li spinga ad agire. Sicuramente il loro metodo ricorda troppo da vicino quello degli agenti dell’Ovra! Attenti o voi ignari compagni che passeggiate tranquillamente e rispondete per strada alle domande di uno sconosciuto. Potreste essere fotografati e scoprire successivamente che lo sconosciuto altri non era che un oscuro personaggio fascista o un pericoloso terrorista o entrambe le cose!

Questi personaggi a pieno titolo entrano nella loggia dei provocatori di professione. E ancora una volta facciamo nostre le parole del compagno Secchia: “Nessun operaio deve più sporcarsi le mani coi luridi fogli della quinta colonna e con quelli che coscientemente o no servono alla quinta colonna”.

Partito Comunista –  fed. Milano

Be the first to comment

Leave a Reply