Elezioni Politiche : astensione contro le illusioni

“Da qualche mese e’ ricominciata la farsa elettorale italiana.
Improvvisamente ci viene fatto credere,nonostante non si sia riuscito a farlo 5 anni prima e neanche 10,di poter cambiare le cose deponendo la scheda nell’urna e sperando cosi’ che qualcuno riesca,a cambiare radicalmente le cose.
Alla base dell’inganno c’e’ la convinzione di vivere in una democrazia dove chi viene eletto possa rappresentare il popolo e abbia in mano, veramente, un grande potere, da usare per il bene comune.
La storia ci ha insegnato che il potere e’ in mano totalmente alla borghesia nazionale e internazionale e le assemblee statuali si possono solo limitare a ratificare la sua volonta’.
I problemi che affliggono i lavoratori lombardi e di tutto il resto del territorio nazionale, non potranno essere risolti dal nuovo Parlamento e dai nuovi Consigli regionali,checche’ ne dicano i candidati.
Mentre PDL,Monti e PD ormai hanno dimostrato e dichiarano platealmente di essere servi della borghesia,c’e’ chi,durante questa campagna elettorale,in particolare a sinistra(SEL di Vendola,Rivoluzione Civile di Ingroia ,Movimento 5 Stelle),promette di , per esempio: approvare una legge sulla patrimoniale, o nazionalizzare alcune banche o grandi aziende,ritirarsi dalle guerre ,fermare la cementificazione,senza pero’ mettere in discussione l’appartenenza all’Unione Europea,il potere borghese e il capitalismo.
Costoro mentono spudoratamente al popolo per mantenere lo status quo.
Anche in Lombardia,la regione piu’ ricca d’Italia,la classe lavoratrice e’ afflitta da problemi sempre piu’ grandi.
Si va dalle preoccupanti percentuali di disoccupato, sempre in crescita, alla cementificazione,che aggrava il problema dell’inquinamento,al grande numero di senza-tetto, nonostante le moltissime case vuote, ai finanziamenti regionali a scuola e sanita’ privata.
I nuovi candidati alla regione continueranno il lavoro dei loro predecessori,essendo confindustriali o appoggiati da CL,imprenditoria edile,macellai montiani.
L’outsider Carcamo,candidata del Movimento 5 Stelle,fa leva sui grandi problemi della Lombardia,in particolare quello ambientale,ma promette cose tanto allettanti quanto impossibili nel capitalismo.
L’unica soluzione,ovviamente sia a livello nazionale che regionale,e’ la rivoluzione proletaria e l’appropriazione dei monopoli da parte di uno stato rivoluzionario,che in questo modo liberi i lavoratori e rilanci l’economia,la scuola,la sanita’,abolendo al contempo disoccupazione e devastazione ecologica.
CSP-Partito Comunista, non partecipa alle elezioni,sia a livello regionale che nazionale. Non intende illudere i lavoratori e il popolo e continuerà a lottare fino al rovesciamento di questo sistema marcio”.

Da Tradate
Isaia Uslenghi

Be the first to comment

Leave a Reply