Al fianco della Rivoluzione bolivariana e del popolo venezuelano

L’America Latina è stata per due secoli il “giardino di casa” dell’imperialismo statunitense, il brodo di coltura di dittature militari fasciste, squadroni della morte e governi corrotti che, in nome dell’anticomunismo e della “democrazia”, massacravano i lavoratori e le popolazioni indigene arricchendosi sulle spalle di centinaia di milioni di latinoamericani costretti per questo, a vivere una vita di miseria, fame e stenti.

Il governo degli Stati Uniti d’America per conto delle multinazionali è stato mandante ed esecutore di decine di colpi di Stato e invasioni in quel continente. Non esiste paese, dal Messico a Capo Horn, che non abbia provato sulla propria pelle l’ingerenza più o meno diretta del governo di Washington.

La vittoria di Hugo Chavez in Venezuela nel 1998 ha segnato un punto di svolta nella storia di quel continente. In molti paesi governi progressisti hanno avviato cambiamenti che solo qualche decennio fa sarebbero apparsi inimmaginabili. L’America Latina ha cessato di essere il “giardino di casa” degli Stati Uniti.

Per questo il governo di Washington ha scatenato una guerra senza quartiere per abbattere il legittimo governo del Venezuela e riportare il suo popolo sotto il tallone di ferro delle multinazionali.

Per ottenere questo gli Stati Uniti non si fermeranno di fronte a nulla e non esiteranno a commettere qualsiasi crimine, come per altro già hanno fatto e stanno facendo in numerosi paesi del mondo: dall’Iraq all’Afghanistan, dalla Libia alla Siria, dalla Jugoslavia all’Ucraina solo per fare qualche esempio.

Per questo la nostra solidarietà va al valoroso popolo del Venezuela, che ha detto basta! E si è messo in marcia per costruire un futuro migliore.

Contro la guerra imperialista!

Al fianco dei popoli che lottano per l’indipendenza, la libertà e la pace!

Be the first to comment

Leave a Reply